0

Debiti Equitalia: cambia la rateizzazione

I debiti con Equitalia potranno essere pagati con maggiore comodità (almeno per dire). Il decreto del fare, tra le novità introdotte ha previsto la possibilità di rateizzare le somme da pagare fino ad un massimo di 120 rate. Rate più comode, il cui importo minimo sarà sempre di 100 euro mensili. Ma non solo.

Debiti con equitalia cambia la rateazione

Rate più comode, tempi più lunghi ed interessi più alti. Forse le strade da intraprendere in tema di riscossione sono diverse.

Rateizzazione del debito con Equitalia

Il vecchio termine massimo di 72 rate è stato così aumentato fino a 120 rate previa dimostrazione della temporanea difficoltà economica. Equitalia ha subito precisato che, nonostante la possibilità offerta per la rateizzazione fino a 120 rate. Per i debiti fino a 50.000 euro la rateizzazione è concessa su semplice domanda di parte senza richiedere alcuna documentazione aggiuntiva attestante la difficoltà economica.

Per ottenere la rateizzazione fino a 120 mesi (10 anni) sono da rispettare alcune condizioni:

  • dimostrazione di uno stato di grave difficoltà finanziaria non causata dal debitore ma ricollegabile al momento storico ed alla crisi;
  • deve essere accertata l’impossibilità di adempiere in 72 rate mensili;
  • deve essere valutata la solvibilità del debitore in relazione al piano concedibile.


Per l’attuazione delle nuove rateazioni è però necessario attendere le disposizioni attuative che dovranno essere dettate dal ministro delle economia e delle finanze entro 30 giorni dall’approvazione della legge di conversione del decreto del fare.

Cambiano le cause di decadenza dalle rateizzazioni dei debiti Equitalia

Con le modifiche introdotte dal decreto del fare il debitore decade dalla rateizzazione si verifica qualora non siano pagate otto rate della rateizzazione anche non consecutive. Si supera così il vecchio limite collegabile al mancato pagamento di due rate consecutive.

Soluzioni alternative: i debiti ad equitalia non devono arrivare

Il governo Letta si è impegnato nell’incrementare il numero delle rate per agevolare i contribuenti a sanare le proprie posizioni debitorie. Il vero impegno di un governo deve essere quello di impedire una cosi celere e veloce procedura di iscrizione a ruolo dei debiti dei contribuenti.

Dovranno essere gli stessi enti debitori ad offrire ai contribuenti soluzioni rateali più comode. I debiti verso l’INPS o l’agenzia delle entrate sono rateizzabili in un numero troppo basso di rate. Il passaggio del debito ad Equitalia (di proprietà dell’INPS e dell’Agenzia delle entrate) prevede l’applicazioni di sanzioni piene, interessi e compensi di riscossione. Ai quali bisogna aggiungere gli ulteriori interessi di dilazione.

Le novità introdotte negli ultimi anni (anche in tema di accertamento esecutivo) vanno in una direzione sbagliata: accelerare l’iscrizione a ruolo senza offrire al contribuente maggior tempo per sanare le proprie posizioni.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *