0

Come Funziona BitCoin. Si parte dal Wallet…

come funziona bitcoinOrmai chiunque ha sentito parlare di criptovalute e di bitcoin, ma non molti ne conoscono in modo approfondito il funzionamento. I bitcoin sono una criptovaluta – una moneta digitale diffusa in tutto il mondo – che viene generata dalla potenza di calcolo dei computer. Al momento, tra le numerose valute digitali esistenti, i bitcoin sono quelli che hanno riscosso un maggior successo.

 

A cosa servono i bitcoin

Attorno alle criptovalute si è sviluppato un mercato: infatti possono essere acquistati e venduti e su queste operazioni di compravendita si può ricavare un margine di guadagno, che, in certi casi, può essere anche sostanzioso. Inoltre le monete digitali possono essere usate anche per comprare online servizi e beni.

 

Come Funziona Bitcoin

Prima di tutto, va detto che i bitcoin – ma questo è vero per tutte le criptovalute in generale – differiscono dalle monete tradizionali per alcuni aspetti e sono invece assimilabili a queste per altri versi. Come la moneta tradizionale, anche il bitcoin ha un valore che cambia, anche repentinamente, nel tempo. Sul web esistono appositi servizi che consentono di monitorarne il valore in maniera costante. Inoltre, le monete digitali esistono in numero limitato e, ogni quattro anni, la quantità di moneta creata è dimezzata. Per quanto riguarda, però, le operazioni finanziarie effettuate con i bitcoin queste avvengono in modo differente rispetto alle classiche operazioni di borsa, perché non ci sono enti regolatori ufficiali: tutto si basa, infatti, su un ingegnoso e complesso sistema peer to peer. Questo non vuol dire che il sistema di funzionamento dei bitcoin non sia efficace e sicuro: al contrario, le procedure sono standardizzate e controllate e avvengono rispettando i normali criteri di sicurezza, proprio come avviene con le transazioni classiche.

 

Wallet Bitcoin: il proprio portafogli virtuale

Chi si affacci per la prima volta al mondo delle criptovalute e voglia cominciare a usare i bitcoin, magari cercando di guadagnarci qualcosa, dovrà prima di tutto creare – utilizzando uno dei tanti servizi presenti su Internet – un proprio portafoglio digitale in cui raccogliere le proprie monete digitali. Si tratta di un software che deve essere scaricato e poi installato sul dispositivo che si intende utilizzare per le transazioni: può essere il PC, ma anche lo smartphone andrà bene.  Una volta effettuata l’operazione e sincronizzato il portafoglio, si avrà a disposizione un indirizzo personale sul quale ricevere bitcoin, accumularli e usarli per le transazioni desiderate, che siano vendite o acquisti. Occorre ricordarsi, per sicurezza, di procedere alla cifratura del wallet ed è consigliabile anche, a intervalli regolari di tempo, effettuarne delle copie di back up: si tratta di funzioni che ogni programma presenta tra le opzioni disponibili.

 

Minare BitCoin: cosa significa

Quando si è maturata un’esperienza sufficiente è possibile anche generare bitcoin, con la tecnica del mining: servono però strumenti informatici adeguati e specialistici, non adatti all’utilizzo da parte dell’utente comune. Va infine sottolineato che il sistema dei bitcoin è perfettamente legale: anzi, la compravendita di criptovalute rappresenta a tutti gli effetti un’operazione finanziaria i cui eventuali proventi devono essere sempre dichiarati alle competenti autorità, per non incorrere in multe e sanzioni.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo "Il ruolo dell'HTML nelle operazioni di web marketing", iscritto all'albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *