0

Come risparmiare sulle spese telefoniche aziendali

Le aziende in questo periodo di crisi hanno bisogno di ottimizzare le risorse economiche e valutando i vari costi spesso decidono di risparmiare sulle spese telefoniche aziendali: la connessione ad internet, infatti, è sempre più alla base delle attività aziendali: scegliere l’offerta adsl più vantaggiosa diventa una priorità.

Risparmiare sulle spese telefoniche aziendali

Spese telefoniche aziendali – photo credit: pedrik

Confrontare le offerte di Fastweb con quelle di Telecom e degli altri operatori, è un buon metodo per iniziare a risparmiare ma prima di scegliere la soluzione più conveniente è bene fare attenzione a tanti aspetti perché l’uso della rete in azienda è diverso da quello domestico e le esigenze sono diverse e molteplici.

Spese telefoniche aziendali: i fattori da valutare per il cambio

La prima cosa da tenere sotto occhio durante la scelta del contratto telefonico, è la banda minima garantita per la connessione ad internet: se si sottoscrive un contratto che prevede 8 Mbps nominali, per esempio, non è detto che questi vengano offerti sempre e tutti.

È possibile infatti, che a causa di fattori indipendenti dalla volontà del provider, questi 8 Mbps non vengano erogati e che la connessione ad internet vada a rilento: per evitare spiacevoli sorprese, è consigliabile inserire nel contratto con l’operatore la velocità minima garantita con la quale è erogata la connessione ad internet.

Una tariffa con una connessione a 7 Mbps, per esempio, può essere comoda se si è una piccola azienda, ma se già i pc da collegare sono più di 8 allora è il caso di passare alla fibra ottica. La fibra ottica è un’infrastruttura più rara e allo stesso tempo più costosa ma ci permetterà di essere più efficienti ed efficaci nella gestione e nello svolgimento del lavoro all’interno dell’azienda.

I piani telefonici business, normalmente, offrono soluzioni e garanzie aggiuntive rispetto ai contratti di telefonia domestici perché, ovviamente le esigenze di un’azienda sono diverse e molteplici: nel pacchetto, è possibile avere un indirizzo IP fisso dedicato all’azienda che permette ai dipendenti di connettersi in remoto da diverse filiali o ancora, di sfruttare la sicurezza di una rete Intranet che garantisca sulla sicurezza dei dati dell’azienda.

Nei pacchetti, poi, sono presenti delle soluzioni integrate che permettono di associare alla linea adsl dell’azienda ulteriori servizi che servono a migliorare le prestazioni aziendali: è possibile richiedere l’indirizzo email dell’azienda, la registrazione e l’host del dominio per il sito internet, i centralini interni e tariffe agevolate per cellulari e telefoni fissi aziendali. Ci sono poi, operatori che offrono il servizio completo con installazione e configurazione della rete informatica dell’intera azienda.

Attenzione ai vincoli

È bene fare attenzione alle condizioni che pongono gli operatori perché i vincoli che pongono in caso di contratti business sono maggiori rispetto ai contratti domestici. Un esempio? È possibile ritrovare dei limiti forfettari al traffico telefonico o a quello internet al mese. È bene infatti, accertarsi dei limiti e dei vincoli posti al momento della firma del contratto e prevedere fin da subito, quali siano le esigenze dell’azienda prima di sottoscriverlo.

Un ultimo punto, ma non meno importante, da valutare è la condizione offerta in caso di rescissione dal contratto: secondo la legge non dovrebbero sussistere penali da pagare ma è non è escluso trovare dei costi in merito alla disdetta del contratto. Questo vale soprattutto nel caso in cui si siano scelte tariffe scontate o tariffe con fornitura di apparecchiature telefoniche: qui l’obbligo di fedeltà all’operatore può arrivare anche a due anni.

Andrea Manfredi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *