0

Fatturazione Elettronica Semplificata per PMI

fatturazione elettronica

Foto da SplitShire

Grazie a un intervento correttivo del decreto relativo alla fatturazione elettronica tra Pmi, oggi risultano semplificate le seguenti procedure:

  1. invio della fattura elettronica;
  2. gestione e conservazione della fattura elettronica.

Invio della fattura elettronica

Le Pmi, al fine di regolarizzare la propria posizione con il Fisco, non devono più necessariamente inoltrare la fattura vera e propria per fruire delle agevolazioni fiscali connesse a questa tipologia di fatturazione, ma sarà sufficiente l’invio dei dati a essa relativi. In effetti, prima delle modifiche apportate al testo del decreto, il problema si poneva in questi termini: se l’azienda riceveva fattura cartacea da un fornitore (operazione passiva) si trovava nell’impossibilità di trasmetterla telematicamente.

 

Gestione e conservazione della fattura elettronica

In secondo luogo, proprio per venire incontro alle piccole e medie imprese sprovviste di un sistema di contabilità avanzato per la fatturazione elettronica, è stato stabilito che, a partire dal gennaio 2016, sarà possibile fruire di un sistema automatizzato di generazione, invio e conservazione della fattura elettronica, in grado di ridurre in maniera significativa il lavoro di cui devono farsi carico le Pmi.

A tal proposito va detto che per alcune imprese che presentano determinati requisiti, il sistema automatizzato sarà gratuito. Quest’ultimo, lo ricordiamo, sarà messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate che, nel contempo, si occuperà anche di stabilire delle regole ad hoc per disciplinare la  fatturazione elettronica.

 

Fatturazione elettronica e agevolazioni fiscali per le Pmi


Al di là delle due fondamentali modifiche apportate al testo del decreto, va detto che, per il resto, l’impianto fondamentale della legge è rimasto invariato, essendo stati confermati tutti gli altri punti. Le Pmi, pertanto:

1 – potranno avvalersi del medesimo Sistema di Interscambio (Sid) che attualmente viene utilizzato per inoltrate le fatture verso la Pubblica Amministrazione;

2 – a partire dal 2017, qualora adottino il sistema della fattura elettronica, potranno fruire di tutta una serie di benefici e agevolazioni fiscali.

In particolare le Pmi potranno:

  1. ricevere il rimborso Iva entro 90 giorni
  2. ritenersi esonerate dall’obbligo di Spesometro
  3. ritenersi esonerate dall’obbligo di comunicazione relativo alla black list e ai contratti di leasing
  4. fruire di controlli fiscali semplificati

La nuova politica fiscale, che prevede l’adozione della fatturazione elettronica, risulta essere in perfetta linea con quanto stabilito dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). Quest’ultima, infatti, ritiene che il Fisco non debba fungere da mero “controllore”, ma piuttosto da facilitatore degli adempimenti fiscali, sfruttando le possibilità offerte dalle nuove tecnologie.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *