0

Fatture emesse 2013: le regole

La legge di stabilità per l’anno 2013 riscritto le norme sulla Fatturazione delle operazioni, adeguando la disciplina nazionale alla normativa comunitaria l’art. 21, D.P.R. n. 633/72. Le novità sulla fatturazione riguardano gli elementi essenziali ed i particolar modo la numerazione delle fatture.

la nuove regole sulla numerazione delle fatture emesse

Gli elementi essenziali della fattura

Le novità contenute nella direttiva comunitaria riscrivono completamente il comma 2, art. 21, D.P.R. 633/1972. Gli elementi essenziali sono:


  • data di emissione;
  • numero progressivo che la identifichi in modo univoco; (approfondimento in seguito)
  • ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cedente o prestatore, del rappresentante fiscale nonché ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti;
  • numero di partita IVA del soggetto cedente o prestatore;
  • ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cessionario o committente, del rappresentante fiscale nonché ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti;
  • numero di partita IVA del soggetto cessionario o committente ovvero, in caso di soggetto passivo UE, numero di identificazione IVA attribuito dallo Stato di stabilimento; nel caso in cui il cessionario o committente residente o domiciliato nel territorio dello Stato non agisce nell’esercizio d’impresa, arte o professione, codice fiscale;
  • natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell’operazione;
  • corrispettivi ed altri dati necessari per la determinazione della base imponibile, compresi quelli relativi ai beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono ex art. 15, comma 1, n. 2);
  • corrispettivi relativi agli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono;
  • aliquota, ammontare dell’imposta e dell’imponibile con arrotondamento al centesimo di euro;
  • data della prima immatricolazione o iscrizione in Pubblici registri e numero dei km percorsi, delle ore navigate o delle ore volate, se trattasi di cessione UE di mezzi di trasporto nuovi di cui all’art. 38, comma 4, D.L. n. 331/93;
  • annotazione che la stessa è emessa, per conto del cedente o prestatore, dal cessionario o committente ovvero da un terzo. In base al comma 335 le nuove disposizioni vanno applicate alle operazioni effettuate a partire dall’1.1.2013.

La numerazione univoca delle fatture

Le nuove disposizioni in tema di fatturazione modificano in particolar modo il concetto di numerazione delle fatture emesse al fine di consentire una identificazione univoca di ogni singola fattura. Due fatture non potranno più avere lo stesso numero anche se emesse in anni differenti.

Mentre la vecchia normativa in vigore fino al 31/12/2012 prevedeva una numerazione suddivisa per anno solare, con le nuove disposizioni recepite dalla disciplina comunitaria diventa necessario identificare univocamente ogni singola fattura.

La nuova normativa crea un briciolo di confusione non necessaria per le imprese che dovranno adeguare i propri software alle nuove direttive operando in due modi alternativi:

  • Sposare il concetto di numerazione univoca e numerare dal 2013 le fatture senza prevedere nessun azzeramento nel tempo
  • Integrare il numero della fattura con l’indicazione dell’anno (1/2013)

La numerazione univoca potrà essere utilizzata proseguendo con la numerazione del 2012 o azzerandola (un’ultima volta) a partire dal 2013.

Le stesse disposizioni dovranno essere utilizzate dalle imprese che utilizzano i registri sezionali. L’agenzia delle entrate è intervenuta con una risoluzione per chiarire i dubbi di imprese e professionisti sulla nuova numerazione delle fatture ed il concetto di identificazione univoca del documento. Di seguito la risoluzione.

Norme da seguire anche in fase di registrazione delle fatture

Le nuove disposizioni in tema di numerazione delle fatture incidono anche nelle prassi degli studi professionali e centri di elaborazione dati. Le numerazioni dovranno essere rispettate in fase di registrazione e soprattutto i nuovi numeri dovranno essere riportati sui registri IVA.

Le nuove norme saranno davvero utili per contrastare il fenomeno della falsa fatturazione o rappresenteranno semplicemente un ulteriore flagello su imprese e professionisti?

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *