2

Gli spazi per adsense ed i contenuti

Prendo spunto da un articolo di TagliaBlog per una riflessione sul posizionamento degli annunci adsense all’interno di una pagina web.

In un recente intervento Matt Cutts ha chiarito che google penalizzerà quei siti che contengono eccessivi spazi pubbicitari soprattutto nella parte above the fold delle pagine web a totale discapito dei contenuti.

Giusto per precisare: above the fold si intende la parte di una pagina web visibile senza la necessità di scorrere la pagina.

Dove mettere gli annunci

In queste pagine abbiamo spesso parlato della disposizione degli annunci pubblicitari. Molti blogger hanno spesso affermato che il miglior posizionamento degli annunci adsense è tra il titolo ed il testo. Lo stesso team di adsense ha spesso sottolineato l’importanza degli annunci Above the fold che però molto spesso rappresentano un’eccessiva penalizzazione dei contenuti. Il team di Google ha proposto alcuni esempi di pubblicazione di pagine per far comprendere il proprio punto di vista.

Le seguenti immagini mostrano due soluzioni equilibrate indicate dal team di google.

posizionamento annunci adsense

Secondo esempio posizionamento annunci adsense

Si può notare presenza un equilibrio tra i contenuti e gli spazi pubblicitari.

In quest’altra immagine una soluzione che evidenzia solo annunci senza alcun contenuto e da ritenere penalizzante.

Un esempio di alyout penalizzato da adsense

Si può facilmente notare che la parte above the fold, delimitata dalla linea punteggiata, è totalmente priva di contenuti con il solo blocco di annunci adsense a monopolizzare l’attenzione dell’utente incentivandolo ad un’azione forzata.

I miei criteri di posizionamento

Posizionare gli annunci tra il titolo di un contenuto ed il testo mi è sembra sembrata una sorta di penalizzazione del contenuto che è reso secondario rispetto agli annunci pubblicitari. Nella costruzione di un template ed in particolar modo della parte ATF ho sempre ritenuto offrire ai visitatori dei contenuti ai quali affiancare gli spazi pubblicitari.

Resta sempre determinante la valorizzazione dei contenuti che rappresentano il fattore fondamentale determinante per il successo di un sito e di conseguenza anche  per adsense. In fase di implementazione degli annunci adsense ho sempre considerato la pubblicità contestuale come uno strumento complementare ai contenuti. Un sito Made for Adsense non è destinato ad avere successo.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *