0

Le verifiche INPS per il rilascio del DURC

Il documento unico di regolarità contributiva attesta la situazione delle aziende nei confronti dei principali istituti previdenziali ed assicurativi. Nella maggior parte dei casi gli enti che verficano la correttezza contributiva sono l’INPS e l’INAIL.

Per gli edili entrano in gioco anche le Casse edili, le quali emettono e spediscono il DURC nei casi di loro competenza. Per le imprese non edili tale compito spetta all’INAIL.

Sede INPS ente che verifica il Durc

In questo post voglio sottolineare quali siano le Gestioni previdenziali che l’INPS deve verificare per il rilascio del documento unico di regolarità contributiva. Con messaggio n. 16246 del 18 giugno del 2010 l’INPS ha precisato che le gestioni da verificare cambiano in bassa alla diversa rilevanza della natura giuridica del richiedente.


In particolare possiamo riscontrare tre casi in base alla forma giuridica del richiedente.

Richiedente DURC è un’impresa individuale

Per le imprese individuali i funzionari che istruiscono e validano la pratica devono controllare la posizione contributiva del titolare e dei suoi collaboratori oltre che quella dei lavoratori dipendenti e collaboratori iscritti alla gestione separata.

Richiedente DURC società di persone

Per le società di persone (autonomia patrimoniale imperfetta), bisogna verificare la posizione dei lavoratori dipendenti e dei collaboratori iscritti alla gestione separata e dei singoli soci iscritti alle varie gestioni con esclusione dei soci accomandanti (responsabili limitatamente ai capitali versati nelle società in accomandita semplice)

Richiedente DURC società di capitali

Per le società di capitali (autonomia patrimoniale perfetta) il controllo per la validazione della richiesta DURC va effettuato sulle posizioni dei dipendenti, dei collaboratori, dell’amministratore se iscritto alla gestione separata ma a nulla rileva la posizione personale dei singoli soci, dato che la società non risponde, in base alle norme civilistiche, delle loro irregolarità contributive.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *