0

Ottimizzare adsense per la ricerca

Nel precedente post della guida Codice Adsense, abbiamo introdotto adsense per la ricerca come strumento di guadagno da aggiungere ai classici annunci adsense.

Offrire annunci contestuali alle query può essere una buona soluzione per incrementare i propri guadagni con adsense ma bisogna seguire una serie di piccoli consigli.

Posizione delle caselle di ricerca

Come per gli annunci anche la posizione dei form di ricerca rappresenta un fattore discriminante che può determinare il successo o l’insuccesso del motore di ricerca. Buone soluzioni sono rappresentate dal posizionamento al centro in alto o alla fine dei contenuti principali.

Massimizza il numero delle ricerche in ogni pagina

In ogni pagina web si possono inserire due form di ricerca. Se ben posizionate rappresentano, oltre che una fonte di reddito, anche un utile servizio offerto ai visitatori del sito che possono ricerca ulteriori contenuti e continuare la navigazione

Risultati integrati nel layout

Un aspetto determinante è dettato dalla possibilità di personalizzare la pagina di destinazione del proprio motore di ricerca. Utilizzare un Iframe, tra le varie opportunità offerte, rappresenta una ottima soluzione per far continuare la navigazione sul nostro sito. Basta generare una pagina di destinazione che abbia la possibilità di contenere al suo interno un iframe di 800 px.

Layout degli annunci nella ricerca

Come per le SERP di google, la soluzione migliore è quella di far visualizzare gli annunci nella parte superiore dei risultati ed anche a destra massimizzando il numero degli stessi.

Per una migliore integrazione degli stessi sarebbe anche opportuno che si utilizzino anche gli strumenti di personalizzazione del layout delle SERP per integrarle perfettamente con le pagine classiche del sito o del blog.

Non far fermare la navigazione

Buona norma è inserire una o due caselle di ricerca anche nella pagina di destinazione in modo da far proseguire la navigazione.

Sfruttando le potenzialità di Adsense per la ricerca, che consente di filtrare i siti da interrogare in seguito alle query, è possibile utilizzare due motori di ricerca che portano a risultati differenziati.

In un primo momento si potrà offrie all’utente la ricerca interna al sito ed inserire nella pagina di destinazione un motore di ricerca più completo che effettui la ricerca in un determinato network di siti o in tutto il web.

Tutte queste possibilità offerte da adsense per la ricerca vanno testate per trovare quale soluzione sia idonea al caso concreto.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *