0

Solai delle scuole al sicuro

lezioni ormai iniziate, i solai pericolanti di molti istituti scolastici rendono la “messa in sicurezza scuola” un tema da non trascurare. Studenti e operatori corrono infatti non pochi rischi legati alla tenuta e all’agibilità degli impalcati, naturalmente soggetti a diversi fenomeni di deterioramento. I fenomeni che con maggiore insistenza interessano i soffitti sono lo sfondellamento e l’instabilità strutturale, entrambi gravi ma differenti per dinamiche scatenanti e rischi collegati.
Solai delle scuole

Sfondellamento e instabilità a confronto


La prima differenza si può riscontrare negli elementi interessati:

  • Elementi portanti. Se le componenti portanti dell’impalcato, come la soletta, la travettatura e l’armatura si deteriorano, il solaio perde la stabilità prevista nella destinazione d’uso originaria incorrendo nel fenomeno dell’instabilità strutturale.
  • Elementi non portanti. Quando il degrado colpisce componenti non portanti come il laterizio (anche detto pignatta) e in particolare la parte inferiore dello stesso, il solaio è soggetto a sfondellamento. Il fenomeno è inteso come la caduta a terra della parte inferiore del laterizio e dell’intonaco sottostante.

La seconda principale differenza è riscontrabile nelle conseguenze derivanti dalle due manifestazioni di degrado:

  • Cedimento intonaco e pignatte. In caso di sfondellamento si può verificare la caduta a terra improvvisa di oltre 1500 kg di materiali fra intonaco e laterizi, calcolati su 20 mq di solaio con 3 cm di intonacatura (la superficie e la composizione media di un’aula).
  • Crollo o inagibilità. Quando il degrado è strutturale il solaio è a rischio crollo; per evitare una tragica eventualità i dirigenti ricorrono alla misura di inagibilità o al cambio di destinazione d’uso del vano.

 

Le cause

Sono varie le cause all’origine dei fenomeni: oltre al naturale invecchiamento concorrono la posa in opera non idonea, la scarsa qualità delle materie prime impiegate, le errate destinazioni d’uso, l’eccessivo carico dinamico a cui sono sottoposti gli impalcati, le infiltrazioni d’acqua e i movimenti sismici. Ma un ruolo determinante è giocato dai ritardi con cui vengono eseguite le opere di manutenzione che, specialmente negli edifici scolastici, risentono di fondi limitati, burocrazia e della volontà di non gravare sul regolare svolgimento delle lezioni.
Per risolvere le esigenze di manutenzione degli edifici scolastici, Sicurtecto Srl ha messo a punto due sistemi infallibili per garantire scuole sicure nel tempo e senza creare disagio.

 

Messa in sicurezza scuola firmata Sicurtecto Srl

Scuole sicure grazie ai controsolai innovati della Sicurtecto, concepiti per essere applicati a secco (limitando al minimo i disagi) e per annullare i rischi di sfondellamento e instabilità che colpiscono i solai in laterocemento degli istituti scolastici.

Finalmente sarà possibile procedere alle dovute revisioni degli impalcati in pochi giorni di lavoro, a scuola aperta e senza demolizioni, con la garanzia del Certificato di posa in opera e la certificazione del Politecnico Milano. Quest’ultima a prova dell’affidabilità dei sistemi, in grado di garantire un coefficiente di sicurezza di oltre 2.5 volte il rischio calcolato.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *