0

Split Payment cos’è e come funziona

Split PaymentIl primo gennaio del 2015 è entrato in vigore lo Split Payment, un meccanismo introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 che obbliga gli enti pubblici al versamento diretto dell’IVA per gli acquisti di beni e le prestazioni di servizi da Fornitori privati.

Gli enti si troveranno così costretti per ogni fattura ricevuta ad effettuare una scissione dei pagamenti:

  • l’imponibile al fornitore;
  • l’imposta direttamente all’Erario.

 

Split Payment per le fatture emesse dal 2015

Il meccanismo dello split payment dovrà essere applicato solo alle operazioni effettuate dal 2015 (non si applica alle operazione fatturate entro il 2014 – ipotesi paventata temporaneamente), comprese quelle in regime di esigibilità differita incassate nel 2015.

Operazioni contabili per la scissione dei pagamenti

Da un punto di vista operativo, lo split payment prevede l’emissione della fattura regolarmente con IVA da parte del Fornitore indicando che l’imposta non sarà incassata ai sensi dell’art. 17-ter del DPR 633/72.

L’imposta così indicata in fattura dovrà essere regolarmente registrata in contabilità dal venditore e potrà essere stornata in due modi:

  • contestualmente alla registrazione della fattura;
  • con un’apposita scrittura, dal totale del credito acceso verso l’ente pubblico.

Nella fattura emessa dal fornitore ci sarà una dicitura per lo split payment con evidenziata l’IVA addebitata ma che non sarà incassata. Un esempio di dicitura da indicare in fattura:

 

Operazione assoggettata a split payment con IVA non incassata dal cedente ai sensi dell’ex art.17-ter del DPR 633/1972

 

Split Payment: come versano l’IVA gli Enti Pubblici

Per il versamento dell’imposta la PA potrà utilizzare diverse modalità di versamento dell’IVA:

  • singolo versamento dell’IVA dovuta per ciascuna fattura la cui imposta sia diventata esigibile;
  • versamento riepilogativo giornaliero per tutte le fatture la cui imposta è divenuta esigibile in quel giorno;
  • versamento cumulativo entro il 16 di ciascun mese considerando tutte le fatture per le quali l’imposta è divenuta esigibile nel mese precedente.

In attesa dell’emanazione del decreto attuativo e del necessario adeguamento dei sistemi informatici di gestione amministrativo contabile delle PA, le amministrazioni fino al 31 marzo dovranno accantonare le somme corrispondenti al successivo versamento dell’imposta che, in ogni caso, sarà dovuta entro il 16/04/2015.

 

Professionisti soggetti a Splita Payment dal 01/07/2017

I professionisti, in un primo momento esclusi (vedi il paragrafo successivo) sono stati ricompresi nel meccaniscmo dello split Payment. Di seguito il comunicato del Consiglio dei Ministri.

L’ambito di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti dell’IVA (c.d. split payment) sarà esteso anche alle operazioni effettuate nei confronti di altri soggetti che, a legislazione vigente, pagano l’imposta ai loro fornitori secondo le regole generali.

In particolare, l’estensione riguarda tutte le amministrazioni, gli enti ed i soggetti inclusi nel conto consolidato della Pubblica Amministrazione, le società controllate direttamente o indirettamente dallo Stato, di diritto o di fatto, le società controllate di diritto direttamente dagli enti pubblici territoriali, le società quotate inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa italiana. Inoltre, si ricomprendendo anche le operazioni effettuate da fornitori che subiscono l’applicazione delle ritenute alla fonte sui compensi percepiti (essenzialmente liberi professionisti).

Le modifiche sopra esposte si applicano dalle fatture emesse a partire dal 1° luglio 2017.

 

Professionisti non tenuti allo Split Payment fino al 30/06/2017

Alcune categorie di fornitori della PA esclusi dall’applicazione dello split payment. In particolare non rientrano nel meccanismo dello split payment:

  • i soggetti che sono soggetti a ritenuta alla fonte sulle prestazioni (i professionisti);
  • i soggetti che applicano il reverse charge.

Per i professionisti l’applicazione dello Split Payment rappresenterebbe un ulteriore decremento della liquidità da incassare visto che i compensi sono già al netto della ritenuta.

 

Elenco dei soggetti tenuti allo Split Payment

Con l’entrata in vigore del DL 50/2017 è stato integrato l’elenco dei soggetti tenuti allo SPlit Payment che si riporta di seguito:

  • lo Stato;
  • gli organi dello Stato ancorchè dotati di personalità giuridica;
  • gli enti pubblici territoriali;
  • i consorzi costituiti tra enti pubblici ai sensi dell’art. 31, D.Lgs. n. 267/2000;
  • le CCIAA;
  • gli istituti universitari;
  • le aziende sanitarie locali;
  • gli enti ospedalieri;
  • gli enti pubblici di ricovero e cura aventi prevalente carattere scientifico;
  • gli enti pubblici di assistenza e beneficenza e di quelli di previdenza;
  • le società controllate, ai sensi dell’articolo 2359, primo comma, numeri 1 e 2, del codice civile, direttamente dalla Presidenza del consiglio e dai ministeri;
  • le società controllate, ai sensi dell’articolo 2359, primo comma, numero 1 da regioni, province, città metropolitane, comuni e unioni di comuni;
  • le società controllate direttamente o indirettamente, ai sensi dell’articolo 2359, primo comma, numero 1 del codice civile dalle società di cui ai punti b) e c);
  • le società quotate inserite nel Ftse Mib.

Considerazioni sullo Split Payment

Le considerazioni in un certo senso sono davvero scontate: si sottrae ancora liquidità alle imprese che non incasseranno l’IVA e potranno facilmente vantare Crediti IVA da recuperare avviando procedure di rimborso con ulteriori adempimenti a carico delle imprese stesse e dei professionisti.

Lo Stato ovviamente cerca in questo modo di incassare più facilmente l’IVA direttamente dagli Enti Locali e garantendosi quindi un gettito maggiore di imposta (maggiore liquidità in tempi celeri) a fronte di maggiori debiti per IVA che dovrà restituire alle imprese.

Il nuovo meccanismo dello Split Payment si affianca alle nuove tematiche in tema di fattura elettronica verso la PA che dal prossimo 31 marzo sarà operativa anche per gli enti locali e che hanno l’obiettivo di snellire e garantire maggior funzionamento della PA ed un maggiore controllo sulle spese degli enti locali

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *