0

Comunicare la PEC al registro imprese

Dal 29 novembre prossimo non ci saranno più scuse. Tutte le imprese ed i professionisti dovranno essere dotati di un indirizzo di posta elettronica certificata, in grado di stabilire un canale di comunicazione alternativo con gli enti pubblici.

La Posta elettronica certificata e gli enti pubblici

Nella pubblica amministrazioni si è ancora molto lontani da un utilizzo efficace di questo nuovo strumento di comunicazione che assume il valore legale di una lettera raccomandata, essendo in grado di fornire prove sull’effettiva consegna del messaggio e sulla data e l’orario di spedizione. Certo che la PEC è uno strumento tutto italiano, una faccia della burocrazia italiana.

Comunicazione al registro delle imprese

L’indirizzo di posta elettronica certificata dovrà essere trasmesso dalle imprese all’ufficio del registro. Per le società già in possesso della firma digitale la proceduta telematica consentirà di comunicare direttamente la PEC in 5 passi. Le società ancora non dotate di un dispositivo di firma digitale dovranno invece rivolgersi alla Camera di Commercio per richiedere anche la firma digitale.


Quindi le imprese dovranno:

  1. RIchiedere la firma digitale presso la Camera di Commercio o gli altri isitituti accreditati al rilascio;
  2. Acquistare l’indirizzo di posta elettronica certificata da uno dei gestori autorizzati;
  3. Comunicare l’indirizzo di posta elettonica certificata tramite le procedura in precedenza linkata.

La Pubblica amministrazione inadempiente

Proprio mentre si pone in capo all’imprese un ulteriore adempimento, per quanto banale, resta da sottolineare che proprio pochi giorni fa, il TAR della Regione Basilicata ha imposto gli uffici pubblici della Regione a dotarsi di una PEC con la quale rispondere ai cittadini. Le pubbliche amministrazioni sono state invitate al rispetto del codice digitale della Pubblica amministrazione al fine di garantire il il diritto degli utenti di comunicare tramite tale mezzo informatico. Il TAR, ritiene addirittura che la mancata pubblicazione dell’indirizzo PEC sul sito web della Regione, determina un vero e proprio disservizio che, costringendo gli interessati a recarsi personalmente presso gli uffici e a far uso della carta, ha riflessi negativi sulle modalità di esercizio del diritto di partecipazione al procedimento amministrativo con conseguente violazione del codice dell’amministrazione digitale.

E dire che la PEC come gli altri strumenti telematici dovrebbero semplificarci la vita.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *