0

Contributo di licenziamento: come si calcola e si versa

Ticket Licenziamento o Contributo di licenziamento modalità operative

Con la riforma Fornero è stato introdotto un contributo di licenziamento che i datori di lavoro dovranno versare all’INPS per finanziare l’ASPI (contributo ASPI) . Il contributo, un ulteriore onere per le imprese, è stato disciplinato dall’INPS che nell’allegata circolare spiega anche come versare il contributo di licenziamento.

Nel corso degli (dal 2012 al 2017) il contributo di licenziamento è stato spesso oggetto di esenzioni proroghe e modifiche e per questo motivo si rende necessario un aggiornamento di questo articolo.

 

Quando si versa il contributo di licenziamento

La circolare INPS precisa che i datori di lavoro saranno tenuti all’assolvimento della contribuzione in tutti i casi in cui la cessazione del rapporto generi in capo al lavoratore il teorico diritto alla nuova indennità, a prescindere dall’effettiva percezione della stessa. Questo concetto era già chiaro rileggendo la norma che ha introdotto il contributo di licenziamento:

 

Nei casi di interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per le causali che, indipendentemente dal requisito contributivo, darebbero diritto all’ASpI, intervenuti a decorrere dal 1° gennaio 2013, è dovuta, a carico del datore di lavoro, una somma pari al 41 per cento del massimale mensile di ASpI per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni. Nel computo dell’anzianità aziendale sono compresi i periodi di lavoro con contratto diverso da quello a tempo indeterminato, se il rapporto e’ proseguito senza soluzione di continuità o se comunque si è dato luogo alla restituzione di cui al comma 30.

 

Cause di esclusione dal contributo di licenziamento

Restano esclusi dal contributo di licenziamento le interruzioni dei rapporti di lavoro per:

  • dimissioni (ad eccezione di quelle per giusta causa[2] o intervenute durante il periodo tutelato di maternità[3]);
  • risoluzioni consensuali, ad eccezione di quelle derivanti da procedura di conciliazione presso la D.T.L. (vedi oltre), nonché da trasferimento del dipendente ad altra sede della stessa azienda distante più di 50 km dalla residenza del lavoratore e\o mediamente raggiungibile in 80 minuti o più con i mezzi pubblici [4];
  • decesso del lavoratore.

Fino al 31/12/2016 saranno in vigore anche le seguenti cause di esclusione dal contributo di licenziamento:

  • licenziamenti effettuati in conseguenza di cambi di appalto, ai quali siano succedute assunzioni presso altri datori di lavoro, in applicazione di clausole sociali che garantiscano la continuità occupazionale prevista dai CCNNLL;
  • interruzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato, nel settore delle costruzioni edili, per completamento delle attività e chiusura del cantiere.

 

Ticket Licenziamento: novità 2017

La Legge di Bilancio 2017 ha sancito l’esonero dal versamento del ticket di licenziamento previsto dalla L. 92/2012 per i datori di lavoro che effettuano licenziamenti:

  • in conseguenza di cambi di appalto con conseguente riassunzione da parte del nuovo soggetto appaltatore;
  • per fine fase lavorativa o per fine cantiere nel settore edile.

 

Possiamo ricapitolare le varie casistiche in una tabella:

Ticket Aspi dal 2017
Quando si versaQuando non si versa
  • licenziamento per giusta causa;
  • licenziamento per giustificato motivo soggettivo;
  • licenziamento per giustificato motivo oggettivo;
  • licenziamento disciplinare;
  • licenziamento collettivo;
  • licenziamento durante o al termine del periodo di prova;
  • licenziamento di lavoratore intermittente, esclusivamente per i periodi lavorati che concorrono al computo dell’anzianità aziendale;
  • dimissioni per giusta causa;
  • dimissioni durante il periodo tutelato di maternità;
  • risoluzione dell’apprendistato al termine del periodo formativo;
  • risoluzione consensuale a seguito di procedura di conciliazione obbligatoria pre-licenziamento GMO o trasferimento del dipendente ad altra sede distante più di 50 Km dalla residenza del lavoratore e/o mediamente raggiungibile in 80 minuti o più con i mezzi pubblici.
  • dimissioni volontarie;
  • risoluzione consensuale;
  • scadenza del contratto a termine;
  • licenziamento lavoratore domestico;
  • decesso del lavoratore;
  • licenziamento effettuato in conseguenza di cambi di appalto con riassunzione del lavoratore da parte del nuovo soggetto appaltatore (strutturale dal 2017);
  • licenziamento per giustificato motivo per fine fase lavorativa o per fine cantiere nel settore edile (strutturale dal 2017).

 

Contributo di licenziamento: Calcolo

Per semplificare le modalità di calcolo del contributo di licenziamento, il precedente parametro del 50% del trattamento ASpI spettante al lavoratore cessato è stato sostituito con il 41% del massimale mensile.

Il riferimento mensile per il 2013 è pari ad € 1.180,00. Tale valore sarà variato di anno in anno in base alle variazioni ISTAT. Per il 2013 il valore è pari ad € 483,80 per ogni dodici mesi di servizio prestato presso l’azienda. L’importo massimo pari a tre annualità è pari ad € 1.451,00.

 

In questo articolo gli importi anno per anno del contributo di licenziamento

 

Nella richiamata circolare sul contributo di licenziamento, l’INPS analizza anche una serie di casi particolari:

  • In caso di rapporti di lavoro part time il contributo è dovuto nella misura indicata. Il contributo è infatti scollegato dalla prestazione individuale
  • In caso di rapporti di lavoro inferiori ai dodici mesi, il contributo va rideterminato in proporzione al numero dei mesi di durata del rapporto di lavoro. Si considera mese intero quello in cui la prestazione lavorativa si sia protratta per almeno 15 giorni di calendario. Per un rapporto di 10 mesi, ad esempio, l’importo da versare nel 2013 sarà pari a € 403,16. Anche per i rapporti di lavoro minori di 24 o 36 mesi è necessario procedere ad una rideterminazione su base mensile del contributo di licenziamento
  • nell’anzianità aziendale si devono includere tutti i periodi di lavoro a tempo indeterminato. Quelli a tempo determinato si computano solo se il rapporto è stato trasformato senza soluzione di continuità o se comunque si è dato luogo alla restituzione del contributo dell’1,40%. Nel computo dell’anzianità aziendale non si tiene conto dei periodi di congedo di cui all’articolo 42, c. 5 del D.lgs, 151/2001;
  • la contribuzione non può essere rateizzata ma va versata entro il 16 del mese successivo a quello del licenziamento;
  • il contributo è dovuto anche per le interruzioni dei rapporti di apprendistato diverse dalle dimissioni o dal recesso del lavoratore, ivi compreso il recesso del datore di lavoro al termine del periodo di formazione.
  • il contributo di cui all’art. 2, co. 31, è comunque dovuto nei casi di dimissioni dell’apprendista per giusta causa o intervenute durante il periodo tutelato di maternità
  • la contribuzione deve essere versata nei casi di procedura di conciliazione da tenersi presso la D.T.L anche se conclusa con esito positivo e conseguente risoluzione consensuale.

 

Contributo Licenziamento: come si versa

Come accennato in precedenza, il contributo di licenziamento deve essere versato entro il 16 del mese successivo a quello in cui si verifica la risoluzione del rapporto di lavoro. Per i contributi di licenziamento dovuti per le interruzioni dei rapporti di lavoro da gennaio 2013 a marzo 2013, ci sarà tempo fino al 16 giugno. Il contributo di licenziamento andrà indicato nel flusso uniemens con i seguenti codici:

  • Causale tributo DM10: M400 avente il significato di Contributo dovuto nei casi di interruzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato ai sensi dell’articolo 2 comma 31 della legge 92/2012
  • Causale tributo DM10: M401 per il versamento degli arretrati con indicazione anche del numero dei lavoratori licenziati e l’importo da versare

Di seguito il testo completo della circolare INPS sul contributo di licenziamento.

 

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *