0

Ravvedimento operoso 2015

Ravvedimento operosoCambia nel 2015 il ravvedimento operoso introducendo sostanziali modifiche all’istituto che amplia i termini e rivede le riduzioni alle sanzioni applicabili alle diverse violazioni.

 

Il ravvedimento operoso: cenni

Il ravvedimento operoso è un istituto che consente al contrbuente di regolarizzare spontaneamente la propria posizione tributaria beneficiando di una riduzione delle sanzioni amministrative irrogabili. Per l’anno 2015, il ravvedimento operoso è stato rivisto ed ampliato in un’ottica di maggiore collaborazione tra contribuente ed amministrazione finanziaria al fine di consentire a quest’ultima di focalizzarsi sui contribuenti meno collaborativi.

Novità sostanziali del ravvedimento 2015

Il nuovo ravvedimento operoso introduce due innovazioni che mirano ad agevolare il rapporto tra contribuente ed amministrazione finanziaria:

  • Per i tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate il ravvedimento potrà essere effettuato in un periodo più ampio e non più strettamente collegato alla presentazione della dichiarazione relativa all’anno della violazione (la tabella alla fine del post riepiloga le riduzioni);
  • Il ravvedimento operoso per i tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate potrà essere effettuato anche qualora siano iniziate accessi, ispezioni e verifiche per violazioni rispetto alle quali i soggetti hanno avuto formale conoscenza e che non siano ancora oggetto di notifiche di accertamento o comunicazioni di irregolarità.

Le nuovi disposizioni per il Ravvedimento operoso 2015 cancellano alcuni istituti previsti quali:

  • possibilità di definizione agevolata dell’accertamento mediante adesione ai contenuti dell’invito al contraddittorio
  • possibilità di adesione ai Processi Verbali di Constatazione
  • possibilità di riduzione alla metà (1/6) delle sanzioni irrogate qualora il contribuente rinunci ad impugnare un avviso di accertamento

Il ravvedimento operoso 2015 in sintesi

Nella seguente tabella si riepilogano e sintetizzano i principali punti del nuovo ravvedimento operoso 2015 con le riduzioni delle sanzioni applicabili ed i tributi interessati alla luce delle nuove disposizioni normative.

Ravvedimento Operoso in vigore dal 1° gennaio 2015
ViolazioneArt. 13, comma 1 del  D.Lgs. 472 del 1997Riduzione della sanzioneLimiti temporaliTipologia di tributo
Ravvedimento sprint0,2% per ogni giornoEntro 14 giorni dalla scadenzaOmessi e tardivi versamenti di imposte e ritenute
Mancato versamento del tributo.Lettera a)1/10 del minimoEntro 30 giorni dalla data della sua commissione.Tutti i tributi
Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.Lettera a-bis)1/9 del minimoEntro il 90 giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione, ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro 90 giorni dall’omissione.Tutti i tributi
Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.Lettera b)1/8 del minimoEntro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall’omissione o dall’errore.Tutti i tributi
Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.Lettera b-bis)1/7 del minimoEntro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall’omissione o dall’errore.Tributi amministratti dall’Agenzia delle Entrate
Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.Lettera b-ter)1/6 del minimoOltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall’omissione o dall’errore.Tributi amministratti dall’Agenzia delle Entrate
Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.Lettera b-quater)1/5 del minimoSe la regolarizzazione avviene dopo la constatazione della violazione nel PVC fatta esclusione per i casi di mancata emissione di ricevuta fiscale, Scontrini, DDT o di omessa installazione dei misuratori fiscaliTributi amministratti dall’Agenzia delle Entrate
Omessa presentazione dichiarazione.Lettera c)1/10 del minimoEntro novanta giorni.

Ravvedimento operoso: Diritto Annuale CCIAA

In seguito alle nuove norme previste in materia di ravvedimento operoso è intervenuto il MISE precisando che le nuove riduzioni ad 1/7 ed 1/6 riguardano esclusivamente i tributi amministrati dall’agenzia delle entrate. Quindi dal nuovo ravvedimento operose resta escluso il Diritto Camerale che resta confermato:

  • 1/8 della sanzione del 30% se il pagamento avviene entro 30 giorni dalla scadenza del termine per il versamento del primo acconto delle imposte sui redditi (3,75%)
  • 1/5 della sanzione del 30% (6%) per il versamento entro un anno dal termine in precedenza citato.

Per il diritto annuale restano quindi in vigore le percentuali originarie.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *