0

Sicurezza sul lavoro, il decalogo del benessere in azienda

la Sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul posto di lavoro è un tema delicato e complesso, su cui si sta concentrando l’attenzione sia a livello nazionale che mondiale; se la piaga degli incidenti continua a essere molto elevata, con dati tragici anche in questo 2018 (circa 300 morti sui luoghi di lavoro soltanto nei primi cinque mesi dell’anno), non meno critici continuano a essere altri aspetti e comportamenti, ancora troppo poco orientati al “benessere” delle persone.

Gli effetti dello stress

Una recente ricerca scientifica pubblicata sulla rivista Lancet e ripresa dalla CBS mette in luce, ad esempio, gli effetti negativi dello “stakanovismo” sulla salute delle persone: lavorare più di 55 ore alla settimana accresce del 27 per cento il rischio di subire ictus e del 13 per cento di sviluppare una malattia cronica. Non meno rischiose sono altre “abitudini”, come quella di non indossare i giusti strumenti previsti dalle varie normative orientate alla sicurezza sul lavoro, nonostante siano anni, ormai, che si cerca di promuovere un cambio di mentalità e oggi sia possibile acquistare su siti come gedshop.it il corretto abbigliamento da lavoro, protettivo e comodo.

La sicurezza sul lavoro

Ma non è solo il fisico a soffrire conseguenze negative, perché anche la mente è sottoposta a un grosso cumulo di stress, provocando pressione continua di cui è difficile liberarsi; in questo caso, la soluzione dovrebbe essere quella di cercare degli spazi di decompressione, iniziando dal mettere in pratica piccoli cambiamenti, come smettere di pranzare di fronte al PC o saltare completamente il pasto, fino ad arrivare alle azioni più grandi e complesse, come cambiare prospettiva mentale e imparare a convivere con la pressione dei nostri tempi.

Il decalogo per ritrovare il benessere

Per alleggerire lo stress e cercare di ritrovare il benessere psicofisico sia sul lavoro che fuori, le associazioni impegnate nel settore hanno stilato un semplice decalogo di consigli e suggerimenti che è possibile seguire per cercare di “non perdere la testa” e ritrovare un po’ di serenità.

1 – Non lavorare prima di andare a dormire: sospendi le attività e spegni il PC almeno un’ora e mezza prima di metterti a letto, perché le luci dello schermo e la pressione di completare il lavoro tengono sveglio il cervello.

2- Respira e libera la mente per cercare ispirazione, interrompendo la tua attività.

3- Goditi la tua creatività, che rappresenta una importante fonte di soddisfazione personale.

4- Non avere paura di fermarti quando senti sopraggiungere stress, paura, preoccupazione o panico.

5- Organizza le tue giornate pianificando anche i tempi di inattività.

6- Cerca il rapporto con gli altri e chiedi il loro feedback.

7- Non pensare al fallimento ma concentrati sulle soluzioni per risolvere i problemi.

8- Semplifica: c’è sempre una strada meno complessa per affrontare il problema che hai davanti.

9- Prendi consapevolezza: il fallimento è una parte dell’esistenza e va accettato, anche se significa disattendere le aspettative.

10- Impara a conoscere e gestire i limiti, tuo e degli altri: non sono ostacoli, ma opportunità per affrontare il problema da nuove prospettive, cercando nuovi spunti per arrivare alla soluzione.

Sicurezza sul lavoro, il decalogo del benessere in azienda – maggio – codiceazienda

Carmine Di Donato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *