0

Adsense preview tool e ad review toolbar

Il centro verifica annunci ci consente di gestire ed analizzare gli annunci che gli inserzionisti hanno scelto per i nostir posizionamenti nonchè filtrare le categorie di annunci ritenute non rilevanti.

Per filtrare, monitorare e migliorare gli annunci presenti sul nostro sito è possibile utilizzare due strumenti che ritengo utili per valutare la qualità degli annunci adsense:

  1. Adsense preview tool
  2. AdReview toolbar per google Chrome

Adsense preview tool

Questo strumento consente di visualizzare il contenuto degli annunci presenti su un sito. Adsense preview tool consente di visualizzare in anteprima gli annunci presenti su un sito senza dover generare clic invalidi sui propri annunci che, come ben sappiamo, rappresentano la principale causa di Ban e attribuzioni di penalizzazioni quali lo smart pricing.

La prima cosa da dire sull’Adsense preview tool è che esso è compatibile solo con il browser Microsoft Explorer! Sembra strano a dirsi ma ad oggi è cosi.

Con questo strumento attivabile con un semplice clic del tasto destro del mouse sugli annunci si possono visualizzare info sull’annuncio e sulla pagina di destinazione per valutare la capacità dell’annuncio pubblicitario di creare valore per il visitatore, e di trasformarsi in rendimenti remunerativi per il sito.

Adreview toolbar (beta)

Ad review toolbar è uno strumento che ho scoperto da poco leggendo un post sul blog Computer-acquisti.

Ad review toolbar si installa come estensione di google Chrome ed è facilmente attivabile cliccando sulla sua icona posta a destra sull barra degli indirizzi del browser di google. Cliccando sull’icona sarà possibile ottenere info sui singoli annuci presenti nella pagina ed il link di destinazione per poter analizzare la qualità dei contenuti offerti dagli annunci.

Non fare conclusioni azzardate

Questi due strumenti che risultano essere davvero utili possono essere facilmente fraintesi. Filtrare eccessivamente le liste può essere dannoso in termini di rendimenti: non dimenticare che le aste di google adsense offrono sempre gli annunci maggiormente rilevanti e che spesso entrate eccessivamente basse possono essere frutto di un sito con contenuto di scarsa qualità o in qualche modo penalizzati da Google adsense tramite il meccanismo dello smart pricing, argomento che sarà presto trattato sulle pagine di questo blog.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *