0

Incentivo Garanzia Giovani: le istruzioni INPS

Arrivano le istruzioni operative per l’Incentivo Garanzia Giovani che prevede il riconoscimento di uno sgravio contributivo alle aziende che assumono i giovani iscritti al programma.

Incentivo Garanzia Giovani

Foto di: fishyflix

I punti salienti dell’incentivo Garanzia Giovani

Il nuovo incentivo Garanzia Giovani è rivolto ai datori di lavoro privati che assumono giovani di età compresa tra i 16 ed i 29 anni di età non occupati, che non frequentano percorsi di studio o formazione.

I nuovi lavoratori devono essere iscritti al Programma Garanzia Giovani registrandosi sui portali regionali dedicati e devono sostenere un colloquio di profilazione presso il Centro dell’Impiego che ha lo scopo di stimare il grado di difficoltà del giovane ad inserirsi nel mondo del lavoro. Dall’esito del colloquio i giovani sono inseriti in quattro classi di profilazione da bassa a molto alta in base al grado di difficoltà di accesso al mercato del lavoro. In base al profilo varia l’entità dell’incentivo Garanzia Giovani:

Per assunzioni a tempo determinato di durata compresa tra i 6 ed i 12 mesi l’incentivo è pari ad € 1500,00 per i giovani con classe di profilazione alta e di € 2000,00 per i giovani con classe di profilazione molto alta (nessuna agevolazione per le classi di profilazione bassa e media).

Per assunzioni a tempo determinato di durata superiore ai 12 mesi l’incentivo va dai 3000 euro previsti per i giovani con classe di profilazione alta ai 4000 euro previsti per i giovani con classe di profilazione molto alta (nessuna agevolazione per le classi di profilazione bassa e media).


Le quattro classi di profilazione danno tutte diritto all’incentivo Garanzia Giovani in caso di assunzioni a tempo indeterminato:

  • 1500 per i giovani con classe di profilazione bassa,
  • 3000 euro per i giovani con classe di profilazione media,
  • 4500 euro per i giovani con classe di profilazione alta,
  • 6000 euro per i giovani con classe di profilazione molto alta.

Gli incentivi Garanzia Giovani sono usufruibili a conguaglio con i contributi previdenziali mensilmente dovuti ma l’INPS, ad oggi, si è riservata di fornire le istruzioni operative con un separato messaggio.

Requisiti dei datori di lavoro per accedere all’incentivo Garanzia Giovani

I datori di lavoro potranno effettuare la richiesta delle agevolazioni per le assunzioni effettuate dal 03/10/2014 rispettando una serie di requisiti per godere dei benefici:

  • Possesso del Durc Interno (art 1 commi 1175-1176 L. 296/2006);
  • Adempimento degli obblighi contributivi;
  • Osservanza norma in materia di sicurezza sul lavoro;
  • Rispetto dei contratti collettivi del lavoro;
  • Rispetto dei principi previsti dalla Riforma Fornero;
  • Verifica dei limiti previsti per gli aiuti di Stato “de minimis”.

Preme precisare che l’incentivo non è cumulabile con altri incentivi all’assunzione di natura sia economica che contributiva (non si cumula con l’apprendistato).

La domanda per accedere all’incentivo Garanzia Giovani

Per l’accesso all’incentivo Garanzia Giovani, l’INPS ha reso disponibile il modulo GAGI nell’area del sito riservata alle Dichiarazioni di responsabilità del contribuente (DiResCo). Il modulo va compilato in una prima fase per la prenotazione dell’incentivo Garanzia Giovani indicando:

  • gli estremi del giovane da assumere (o già assunto);
  • la tipologia di rapporto di lavoro che si intende instaurare;
  • la Regione o Provincia Autonoma di appartenenza;

L’INPS in questa fase verifica i dati del Giovane presenti nel Portale Garanzia Giovani, individua la classe di profilazione, determina l’importo dell’incentivo da erogare e verifica l’importo residuo dell’incentivo Garanzia Giovani disponibile per Regione.

L’Inps comunica telematicamente all’azienda l’importo dell’incentivo prenotato che può decidere di assumere il giovane entro 7 giorni e confermare l’incentivo spettante entro 14 giorni lavorativi.

Per gli ulteriori approfondimenti si rilascia di seguito la circolare INPS completa di allegati.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *