0

Le mosse social di Google

Content is King

Il contenuto è la variabile discriminante in grado di determinare il successo di un contenuto. Che sia un post di un blog o di una pagina che inviti l’utente ad un’azione. Il contenuto è il valore.

La promozione dei contenuti

Google e le mosse social

I contenuti originali pubblicati sul proprio sito o blog necessitano di una attività promozionale. Saper promuovere i propri contenuti è difficile e in molti casi si rischia di confondere le attività promozionali con attività di spam fastidioso per gli utenti. Principalmente i nuovi contenuti vengono promossi:

  1. Sui Social network
  2. su siti di social news e social bookmarking
  3. Con attività di article marketing

Promuovere i contenuti sui social network

Far conoscere i siti sui principali social network è un’attività che è fonte di utenti potenzialmente interessati ai contenuti pubblicati. Promuovere un contenuto su Facebook, twitter o su altri social network può innescare un meccanismo virale, un passaparola determinante per il successo o l’insuccesso di un contenuto. La promozione diretta, la creazione di pagine o liste promozionali sono attività che riescono a garantire un buon ritorno di visitatori a costo praticamente zero.

Promuovere i contenuti sui siti di social news e di article marketing

Anche i siti di social news sono una buona fonte di visitatori interessati: basta scegliere quelli giusti!
Più delicata è l’attività di article marketing che va studiata con contenuti precisi ed altamente rilevanti. I siti di article marketing sono molto rigidi per evitare di essere invasi da spam. Richiedono buoni contenuti e, in molti casi, prima di pubblicare nuovi contenuti, si provvede ad una verifica umana.

Promozione e spam si sfiorano

Queste attività promozionali sono oggetto di analisi e di critiche. Lo stesso Google ha sviluppato nuovi strumenti che incrementino la qualità delle SERP (search engine report page). Recentemente è stato sviluppato il Personal block list, un nuovo strumento che consente agli utenti di escludere dalle SERP quei siti che vengono considerati a scarso valore aggiunto installando un semplice componente nel browser Chrome.

I siti di social news, di social bookmarking, i comparatori di prezzo potranno essere vittime di questo meccanismo se considerati dagli utenti come dei semplici invasori di SERP.

Bisognerà selezionare i siti su cui promuovere le proprie news ed è consigliabile procedere con attenzione e cambiare di tanto in tanto i siti di riferimento, valutando la loro qualità ed il loro posizionamento nei motori di ricerca.

La promozione dei contenuti sui social network è al momento una buona fonte di visite ma è importante fare in modo che gli stessi utenti possano promuovere i contenuti rilevanti tramite il classico bottone "mi piace" di Facebook e gli strumenti di condivisione messi a punto dai twitter e gli altri social network.

Le SERP di Google e il voto degli utenti

Al fine di incrementare la rilevanza delle SERP e promuovere i contenuti maggiormente qualitativi, google ha introdotto un sistema di votazioni per mettere in risalto i contenuti votati direttamente dagli utenti. Come il like di Facebook, google ha lanciato il bottone google +1 per consentire agli utenti di votare i contenuti qualitativi ed influenzare la composizione delle pagine del suo motore di ricerca.

Il fattore popolarità su cui Google ha da sempre puntato diventa ora maggiormente esplicito, le Serp saranno votate dagli utenti, un pò come accade nei citati siti di social news.

La svolta sociale di Google continua e nell’eterna lotta ai fattori SEO, si segna un ulteriore punteggio a favore dei fattori offline.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *