0

Pos per Professionisti: tutto fermo. Per Riflettere

Il Pos per Professionisti resta un balzello all’italiana. Imprese e professionisti si trovano obbligate ad adeguarsi ad uno strumento che, seppure molto pratico e comodo per la maggior parte delle imprese, è facilmente sostituibile da altri strumenti tracciabili più idonei a cogliere le specifiche esigenze di imprenditori e professionisti.

I vari passaggi della vicenda li abbiamo raccontati volta per volta offrendo anche una panoramica di alcuni servizi in grado di offrire pos soprattutto per professionisti utilizzabili in mobilità ed abbinabili ai conti corrente già utilizzati.

Pos per professionisti: la situazione ad oggi

Ad oggi il Pos è obbligatorio per i professionisti e le imprese per i pagamenti superiori ai 30 euro. Tuttavia all’obbligo non sono collegabili specifiche sanzioni ed il professionista o l’imprenditore che non rispetta l’obbligo rischia soltanto la messa in mora del creditore ai sensi dell’art. 1226 del Codice Civile, con la conseguenza che il creditore non può richiedere il pagamento degli interessi nel caso di tardivo pagamento al debitore che può chiedere il rimborso delle eventuali spese sostenute per effettuare il pagamento.


Questo fino a quando il Parlamento, con una brusca virata, ha deciso di sanzionare pesantemente la mancata adozione del Pos.

Senza conoscere mezze misure, il disegno di legge n. 1747  al vaglio della Commissione Finanze del Senato prevede infatti l’introduzione la sanzione amministrativa pecuniaria di importo pari ad euro 500, con obbligo di adeguarsi alle previsioni normative entro trenta giorni dalla notifica della sanzione stessa.
L’avvenuto adeguamento deve essere comunicato, entro i sessanta giorni successivi alla notifica del provvedimento sanzionatorio, all’ufficio che aveva irrogato la sanzione. Il mancato adeguamento o comunicazione comporta il raddoppio della sanzione ed ulteriori 30 giorni per l’adeguamento.

Se anche nel secondo caso, l”imprenditore o il professionista non dovesse adeguarsi, sarà disposta la sospensione dell’attività professionale dalla Guardia di Finanza.
L’attuale disegno di legge è fermo al Senato dallo scorso gennaio, in attesa di assegnazione. Nel frattempo è opportuno ragionare sulle prospettive future dell’obbligo POS per professionisti

Pos per professionisti: cosa accadrà

La sosta sembra il momento opportuno per riscrivere con le categorie interessate la nuova norma che agevoli la diffuzione degli strumenti elettronici di pagamento senza far gravare su imprese e professionisti i costi eccessivi delle commissioni per i POS sempre ancorate a semplici percentuali invariabili rispetto agli importi transati.
Il Governo sta studiando soluzioni per agevolare, con crediti di imposta, gli imprenditori ed i professionisti che installeranno al POS: soluzione miope e di breve periodo.
Il vero problema del pos per i professionisti è rappresentato dal costo in percentuale delle commissioni, che restano fisse in caso di ricorso a strumenti tracciabili alternativi come i bonifici e gli assegni. Il ricorso al Pos per professionisti sembra una forzatura della quale non si sente il bisogno e soprattutto, in una fase così critica per il sistema economico, sarebbe opportuno spostare le risorse da destinare al credito di imposta per i POS verso altre emergenze.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *