0

Riunioni online con Skype for Business

Microsoft tende una mano alle aziende che con Skype for Business potranno organizzare riunioni online con i dipendenti e non solo.

Riunioni online

Sala riunioni . foto di Benjamin Child

A quattro anni dall’acquisizione del colosso Skype, Microsoft svela Skype for Business, la piattaforma che consente alle aziende di effettuare chiamate e riunioni online, direttamente dal proprio headquarter con il resto del mondo. Inserita in Office 365, la versione in abbonamento cloud-based del software aziendale di Microsoft, Skype for Business tende una mano alle aziende che possono organizzare riunioni online con un gruppo di partecipanti che può arrivare a 250. Ai fini dell’utilizzo della piattaforma sarà necessario disporre di una linea ADSL attiva e illimitata. In caso contrario è possibile confrontare le tariffe ADSL presenti sul mercato con il supporto di SuperMoney e scegliere la tariffa più vantaggiosa.

Una volta collegati a internet, sarà possibile scaricare l’app Skype for Business dal sito di Microsoft e
iniziare sin da subito a segnare in agenda le proprio riunioni virtuali con dipendenti della propria sede, con clienti, fornitori, insomma con persone
sparse in ogni parte del mondo. “Attraverso Skype for Business è possibile raggiungere chiunque”, ha evidenziato, parlando di Skype for Business, Jacky
Wright, numero uno di Microsoft. “C’è da aggiungere – ha continuato – che Skype for Business è in continuo aggiornamento tramite Office 365”.

 

Skype for Business, riunioni online a portata di app

Skype for Business inoltre ingloba un’integrazione sia con Bing Pulse, uno strumento di sondaggi in tempo reale, sia anche con Yammer, il social network per imprese che Microsoft ha acquisito nell’anno 2012. I partecipanti possono prendere parte alle riunioni semplicemente componendo il numero di un telefono o cellulare, o con un’opzione single-touch su computer, tablet e smartphone. Gli utenti possono anche effettuare chiamate tradizionali attraverso la piattaforma, che si basa sulle caratteristiche di Lync, il precedente servizio di chiamata online di Microsoft.

Microsoft all’inizio di quest’anno ha fatto un test della piattaforma tra i suoi 90.000 dipendenti in tutto il mondo, e l’ha lanciata in tutta l’azienda in soli 30 giorni. Inoltre, nel mese di luglio, ha rilasciato la versione in anteprima agli abbonati Office 365, richiamando l’attenzione di circa 4.000 aziende e organizzazioni.

A testimoniare il successo di Microsoft nel mercato delle videoconferenza sono i dati. I ricavi legati al comparto infatti, si sono attestati in crescita del 5,1%. Ottima performance che spinge al rialzo anche le vendite dei device utili ad attuare una call conference. Ringraziano Microsoft infatti attori
importanti come Adobe, Citrix e IBM. E lo stesso Cisco Systems che ha messo nel piatto 700 milioni di dollari per acquisire Acano Ltd.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *