0

Chiudere la Partita IVA senza Sanzioni

Chiusura Partita IVAAddio Sanzioni per la mancata chiusura delle Partite IVA. Dopo l’approvazione del collegato fiscale che ha sancito l’abolizione delle sanzioni, sono arrivate le disposizioni dell’Agenzia delle Entrate in merito alla chiusura della partita IVA in ritardo

 

Chiusura Partita IVA dal 2017

L’agenzia delle entrate Con la Risoluzione 7/E del 19.01.2017, l’Amministrazione Finanziaria ha soppresso il codice tributo “8120” per il versamento tramite i modelli “F24 versamenti con elementi identificativi” e “F24 Enti pubblici” della sanzione per omessa presentazione della dichiarazione di cessazione di attività, di cui all’articolo 35, comma 15-quinquies, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

Il Collegato Fiscale alla Legge di Bilancio (DL 193/2016) ha previsto l’azzeramento delle sanzioni per il mancato invio della dichiarazione di cessazione dell’attività.

Questo significa che sia per il contribuente che presenta tardivamente la dichiarazione di cessazione dell’attività, sia nel caso di chiusura d’ufficio della partita IVA dell’Amministrazione Finanziaria non saranno irrogate sanzioni.

Per tale ragione, essendo cessati i presupposti normativi che ne legittimano l’utilizzo, con la risoluzione in commento è soppresso, a partire dal 1° febbraio 2017, il codice tributo 8120.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *