0

Trasmissione telematica degli scontrini fiscali

trasmissione telematica degli scontrini fiscali

Foto di: Ellehem

Entra in vigore il Decreto Legislativo 127/2015 che offre la possibilità alle imprese di procedere con la trasmissione telematica degli scontrini fiscali in luogo dell’emissione cartacea. L’opzione offre una serie di vantaggi. Cerchiamo di capirne di più.

 

Addio scontrino cartaceo

Da gennaio 2017 i commercianti al minuto e gli altri soggetti che emettono scontrini e ricevute fiscali potranno optare per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica giornaliera dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate. Per i contribuenti resterebbe solo l’obbligo di emissione della fattura su richiesta del cliente.

La scelta della trasmissione telematica degli scontrini fiscali è vincolante per cinque anni dall’opzione e si rinnova, salvo revoca, ogni cinque anni.

La trasmissione telematica è già obbligatoria già per le aziende della grande distribuzione. L’obbligo si estenderà da gennaio 2017 anche per i soggetti che effettuano cessione di beni mediante i distributori automatici.

Con la trasmissione telematica degli scontrini fiscali l’Agenzia mira ad avere in tempo reale un maggior numero di informazioni e focalizzare al meglio le azioni di controllo e minimizzare gli accessi presso le aziende oggetto di accertamento.

 

Vantaggi Operativi della trasmissione telematica degli scontrini fiscali

Con la scelta della trasmissione telematica di scontrini e ricevute il contribuente può ottenere una serie di vantaggi:

  1. Esonero dalla compilazione dello spesometro;
  2. Esonero dalla Comunicazione Black List;
  3. Esonero dalla compilazione del modello Intrastat;
  4. Esclusione dall’obbligo di comunicazione dei dati dei contratti stipulati dalle società di leasing;
  5. Esclusione dell’obbligo di comunicazione degli acquisti di beni da operatori economici di San Marino;
  6. Priorità nei rimborsi IVA entro tre mesi dalla presentazione della dichiarazione annuale
  7. Riduzione da quattro a tre anni dei termini di accertamento in materia IVA e di imposte dirette per i contribuenti che garantiranno la tracciabilità dei pagamenti secondo indicazioni che saranno contenute in un Decreto del MEF di prossima emissione.


L’omessa trasmissione dei dati comporta la perdita dei benefici in precedenza indicati: stesse conseguenze anche in caso di invio di dati inesatti o incompleti.

Lo scontrino digitale apre una nuova fase nei controlli fiscali e presto saranno dettate nuove disposizioni dal MEF in un apposito decreto.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *