Percorso:Blog

Diritto di Precedenza dopo il Jobs Act

La prima parte del Jobs Act si è soffermata principalmente su due aspetti: il contratto a termine ed il contratto di apprendistato. Anche il diritto di precedenza nei contratti a termine è stato rivisto dal governo Renzi. Parlando del jobs act ci siamo soffermati sulle novità del contratto a termine ormai acausale e abbiamo visto le nuove regole e le sanzioni previste in caso di abuso del contratto a termine.

Diritto di precedenza nei contratti a termine
photo credit: Werner Kunz

Anche il diritto di precedenza che i lavoratori cessati da un contratto a termine hanno nei confronti del datore di lavoro in caso di nuove assunzioni è stato rivisto dal Governo Renzi.

Cosa è il diritto di precedenza

Con il diritto di precedenza il lavoratore che è stato alle dipendenze di un’azienda con uno o più contratti a termine per un periodo superiore a sei mesi ha diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato effettuate nei dodici mesi successivi, salvo che la contrattazione collettiva, territoriale o aziendale, sottoscritta dalle associazioni maggiormente rappresentative a livello nazionale, preveda termini differenti. La regola vale anche per i lavoratori stagionali il cui diritto di precedenza matura rispetto a nuove assunzioni a termine per le stessa attività e termina decorsi dodici mesi dalla fine del rapporto precedente.

Come si esercita il diritto di precedenza

Spetta al lavoratore esercitare il diritto diritto di precedenza comunicando al datore di lavoro rispettivamente entro sei mesi dalla cessazione del rapporto (tre mesi per lo svolgimento di attività stagionali) l’interesse a far valere il diritto di precedenza. Non sarà, quindi, il datore di lavoro a dover formalizzare l’interesse alla stipula di un nuovo contratto nei confronti del lavoratore, bensì quest’ultimo a doversi attivare nei termini sopra descritti.

Il datore di lavoro deve obbligatoriamente inserire nei nuovi contratti di assunzione a termine uno specifico richiamo al diritto di precedenza in modo da informare il lavoratore circa le modalità con cui lo stesso potrà essere fatto valere.

Per le lavoratrici in congedo di maternità obbligatoria è previsto il computo del periodo di assenza intervenuto in costanza di un rapporto a termine, nella determinazione del periodo di attività lavorativa utile a maturare il diritto di precedenza. Non verrà invece conteggiato per quanto riguarda i lavoratori stagionali. Per le stesse lavoratrici è, inoltre, riconosciuto il diritto di precedenza anche nelle assunzioni a tempo determinato effettuate dal datore di lavoro entro i successivi dodici mesi.

I vari aspetti ricollegabili al diritto di precedenza nei contratti a termine sono stati oggetto di approfondimento da parte della Fondazione studi dei consulenti del lavoro che sul tema ha diramato una propria circolare allegata al presente post.

Per registrare un contratto di locazione non sarà più necessario recarsi in Ufficio: la procedura di registrazione telematica dei contratti di locazione è stata semplificata ed agevolata con l'introduzione del nuovo Software RLI sviluppato dall'agenzia delle entrate.

registrazione telematica dei contratti di locazione

 

Registrazione telematica dei contratti di locazione

Con il software RLI è possible registrare diverse tipologie di contratti di locazione:

  • locazioni abitative;
  • locazioni commerciali;
  • affitto di terreni.

Il software RLI consente non solo di registrare i contratti di locazione ma consente anche il pagamento dell'imposta di registro e dell'imposta di bollo calcolate in automatico sulla base delle informazioni inserite in fase di registrazione.

Anche gli adempimenti successivi quali risoluzioni, proroghe, opzione/revoca per la cedolare secca potranno essere trasmessi direttamente in via telematica con il software RLI

La procedura consente di risparmiare tempo anche evitando il pagamento presso gli sportelli del vecchio F23 (che presto andrà in pensione) e l'acquisto dei contrassegni telematici che saranno addebitati direttamente sul conto corrente.

In un articolo precedente sui contratti di locazione ed il nuovo modello F24 elide sono stati forniti tutti i dettagli.

Registrarsi sul sito delle Entrate

Unico adempimento preliminare richiesto al contribuente è quello di registrarsi sul sito dell'Agenzia delle Entrate per ottenere le credenziali d'accesso: consiglio di muoversi in tempo per ricevere in tempo utile le credenziali di accesso che ancora vengono spedite tramite posta (!!!)

Registrazione telematica dei contratti di locazione: Sintesi

Riepilogando, per la registrazione telematice dei contratti di locazione in via telematica sono necessari:

  1. Credenziali di accesso ai servizi telematici dell'agenzia delle entrate
  2. Software R.L.I presente sul sito dell'agenzia delle entrate
  3. Coordinate bancarie del richiedente per l'addebito delle imposte (registro e bollo)
  4. Copia scannerizzata del contratto di locazione da allegare alla pratica in fase di richiesta.

Al termine della procedura saranno inviate al contribuente le ricevute telematiche con gli estremi di registrazione del contratto di locazione e gli imposti addebitati a titolo di imposte.

Gli intermediari abilitati possono trasmettere le registrazioni per conto terzi: quindi coloro che non fossero sicuri delle nuove procedure possono rivolgersi ai professionisti per la registrazione.

Di seguito il video: