Percorso:Blog

Camera di Commercio online: il web per i servizi alle imprese

Il web offre una serie di servizi dedicati alle imprese ed ai professionisti che semplificano alcuni adempimenti. In un periodo in cui la burocrazia sembra quasi soffocare le imprese, e i permessi e i certificati da effettuare per qualsiasi tipo di richiesta sono sempre più assillanti, internet viene incontro a┬áchi gestisce un Partita IVA,┬ádando la possibilità agli imprenditori di velocizzare richiedere telematicamente molti documenti.

Camera di commercio online

Per gli imprenditori moderni infatti, guadagnare ore o minuti significa anche poter evitare perdite economiche, e seguendo il vecchio detto "il tempo è denaro" è possibile far risparmiare alla propria azienda lunghi e monotoni iter burocratici.

La Camera di Commercio Online

Uno dei servizi che su tutti possiamo segnalare tra i più utili in termini di tempistiche e comodità, è la possibilità di sfruttare internet per richiedere ed ottenere tutti i documenti che si possono richiedere presso una qualsiasi Camera di Commercio, semplicemente visitando la Camera di Commercio online del sito OkVisure.

Tra tutti i diversi servizi offerti sul sito, l'ufficio virtuale della Camera di Commercio permette alle aziende ed ai professionisti di ottenere tutti i classici documenti richiedibili in qualsiasi ufficio "reale". La Camera di Commercio online è raggiungibile non solo dal PC, ma anche da smartphone naturalmente, e permette di accedere a documenti e certificati come: Visura Camerale, Visure protesti, Report Persona, Bilanci e report aziendali.

Tutti i documenti richiesti online verranno ricevuti sulla propria e-mail di registrazione al servizio, tramite file in formato PDF. I certificati avranno la stessa validità di quelli Cartacei.

I vantaggi dei servizi online

Uno dei punti a favore di questa tipologia di servizi che abbiamo citato, oltre alla velocità e la comodità, è anche quello relativo alla discrezione del servizio. Se infatti per richiedere documenti per la vostra impresa in qualsiasi ufficio, è richiesta la vostra presenza fisica, e quindi, la conoscenza dell'operatore di sportello o del professionista abilitato a creare la documentazione, scegliendo i metodi informatici la vostra privacy verrà del tutto salvaguardata.

In più, con questo metodo, nel caso la vostra scelta ricada su un sito come┬áOkVisure, potrete sfruttare il vantaggio e la sicurezza di poter ricevere informazioni da un team di persone che gestisce queste documentazioni da più di 10 anni, cosa che rassicura sull'esperienza e professionalità di questo team.

Della Fattura Elettronica si parla da decenni come passo fondamentale verso la digitalizzazione dei rapporti commerciali. L'utilizzo del documento elettronico è stato accelerato dalle nuove disposizioni in merito alla fattura elettronica verso la Pubblica Amministrazione: dallo scorso 6 giugno non sono più accettate dalla Pubblica Amministrazione fatture in formato cartaceo. Fino ad oggi le disposizioni in tema di fattura elettronica verso la PA hanno riguardato solo Enti Centrali, Ministeri ma dal prossimo 31 marzo 'Obbligo di fattura elettronica si estenderà anche agli enti locali.

Fattura elettronica

Nel frattempo, mentre si è in attesa dell'ulteriore step che coinvolgerà tutti i fornitori della Pubblica Amministrazione, il Governo inizia anche a studiare ipotesi di fattura elettronica tra privati, almeno come opzione.

Sono proprio queste nuove prospettive di utilizzo della fattura elettronica che rendono necessario un riepilogo delle disposizioni in merito di fattura elettronica.

Gli elementi della fattura elettronica

La disciplina IVA prevede la facoltà del soggetto passivo ai fini IVA (cedente o prestatore) di utilizzare la fattura elettronica come alternativa a quella cartacea. Essa è emessa e ricevuta in un qualunque formato elettronico ma deve contenere tutti gli elementi essenziali:

  1. Data di Emissione;
  2. Numero progressivo;
  3. Dati dell'emittente comprensivo di Partita Iva e codice fiscale;
  4. Dati del cliente o committente comprensivo di partita IVA e codice fiscale;
  5. Natura, qualità e quantità dei beni o servizi oggetti dell'operazione

La fattura elettronica deve essere accettata dal destinatario che potrà decidere di accettare la fattura in formato elettronico provvedendo alla conservazione sostitutiva o potrà materializzare il documento stampandolo e conservandolo con i metodi tradizionali. Quindi l'emittente che decide di utilizzare la fattura elettronica non vincola il destinatario a seguire le stesse disposizioni. In sintesi:

  • Emittente invia la fattura in formato elettronico e conserva la fattura in tale formato;
  • Destinatario accetta la fattura elettronica e la conserva oppure non accetta la fattura elettronica e procede con la materializzazione del documento.

Fattura elettronica: requisiti

Dei requisiti della fattura elettronica ne abbiamo parlato in un articolo dedicato ma qui è opportuno sintetizzarli:

  • Autenticità dell'origine
  • Integrità del contenuto
  • Leggibilità del documento

Autenticità ed integrità possono essere garantite anche attraverso l'apposizione della firma elettronica o con appositi sistemi, la leggibilità deve essere garantita anche in fase di ispezioni o verifiche: i dati conservati elettronicamente devono essere prontamente disponibili e deve essere dimostrabile che il contenuto non sia alterato rispetto all'originale.

Proprio per questo la conservazione sostitutiva assume un ruolo centrale nel processo di fatturazione elettronica, anche verso la pubblica amministrazione. Per una corretta gestione dell'iter della fatturazione elettronica è opportuno rivolgersi ad enti di conservazione sostitutiva certificati.

Fattura elettronica e Pubblica Amministrazione

Completata in estrema sintesi le disposizioni sulla fattura elettronica, possiamo proseguire con la fattura elettronica verso la pubblica amministrazione che prevede una serie di adempimenti specifici che molto probabilmente diventeranno uno standard per la fatturazione elettronica anche per transazioni provate B2B.

La fattura elettronica verso la pubblica amministrazione è gestita attraverso un sistema di interscambio che analizza, accetta o rifiuta le fatture elettroniche predisposte dai fornitori della pubblica amministrazione: in altre parole le fatture elettroniche verso la pubblica amministrazione devono seguire una nomenclatura precisa che consenta l'informatizzazione delle informazioni e la completa gestione telematica del flusso di fatturazione verso la pubblica amministrazione.

La fattura elettronica generata seguendo lo schema informatico è inviata al servizio di interscambio che valuta l'integrità del documento ed attraverso i Codici IPA inseriti nel tracciato del documento provvede allo smistamento verso l'ente destinatario.