2

Diggita e Pligg ti fanno guadagnare con adsense

Un’idea interessante per guadagnare con il proprio account adsense e i siti di editoria sociale. Al momento sto utilizzando questo servizio su Diggita.it e pligg.it che consentono una condivisione dei guadagni.

Come funziona?
Innanzitutto è importante iscriversi ai due servizi per condividere le news con gli altri utenti. Accedendo alla scheda profilo personale è possibile inserire il proprio codice adsense (pub-xxxxxxxx) nella pagina di “modifica profilo” per iniziare a guadagnare.

Pagina modifica profilo su diggita.it

Credo inoltre che sia molto importante impostare un criterio personalizzato all’interno del proprio account adsense per monitorare l’andamento dei guadagni sui social news. Per fare ciò dobbiamo creare un nuovo insieme di annunci e nella pagina riservata ai criteri crearne uno magari nominato con il nome del servizio di social news al quale aderiamo.

Impostare un criterio con adsense

Nella parte conclusiva su adsense è visualizzato il codice javascript da inserire nelle nostre pagine web: in questo caso ci interessano solo due righe:

  1. google_ad_client = “pub-xxxxxxxxxxxxx”; da inserire nel rigo google adsense ID
  2. google_ad_channel = “xxxxxxxxxxx”; da inserire nel rigo adsense criterio monitoraggio (opzionale):

Ai due social da ieri se ne è aggiunto un terzo: si chiama kipapa.it. L’iter da seguire è lo stesso per la condivisione dei guadagni ma al momento kipapa non permette l’analisi mediante un criterio creato su misura per misurare il nostro rendimento adsense su questo social news.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo “Il ruolo dell’HTML nelle operazioni di web marketing“, iscritto all’albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti.

Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *