0

Investire in modo sicuro nel 2020: i consigli

Un anno estremamente complicato come il 2020 necessita di considerazioni e consigli se si decide di investire.  In una situazione così intensa e difficile, occorre tener presente alcune cose: il rischio di mercato, i tassi bassi ancora per molto tempo, imprevedibilità dell’andamento di mercato che sale e scende a fasi alternate.

In una situazione così intensa e difficile, occorre tener presente alcune cose: il rischio di mercato, i tassi bassi ancora per molto tempo, imprevedibilità dell’andamento di mercato che sale e scende a fasi alternate.

Dunque quali sono le opportunità di investire in un anno come il 2020? Vista la condizione attuale è necessario muoversi con intelligenza e oculatamente, per mettere a frutto il proprio capitale. La soluzione migliore è quella di individuare gli strumenti che permettono di ottenere il giusto equilibrio tra il rendimento e il rischio in relazione alle proprie necessità. Sono da evitare, quindi, tutti quegli strumenti che non offrono rendimenti potenziali decenti a fronte di rischi troppo elevati.

Il consiglio base è sempre quello di rivolgersi a un consulente indipendente che sappia guidarti nelle scelte d’investimento. Moltissimi strumenti finanziari, infatti, sono generalmente percepiti o venduti come investimenti sicuri. In realtà non sempre questi strumenti sono la scelta giusta per l’investitore o sono privi di rischi.

Quali sono i consigli?

Conti deposito: strumenti di parcheggio della liquidità che offrono una remunerazione garantita in cambio di rinunciare alla possibilità di prelevare il proprio capitale. In generale rendimenti crescenti all’aumentare della durata del vincolo temporale. Il rischio di credito è quello che la banca non sia in grado di garantire gli interessi.

Fondi monetari: composti da prodotti obbligazionari con durata molto breve, liquidità o altri strumenti prontamente esigibili. Strumenti decisamente stabili anche in periodi in cui si osserva una spiccata volatilità nei mercati, ma comunque esposti a rischi e non a capitale protetto.

Conti pronto termine: a rischio di insolvenza, si tratta di un contratto di cessione temporanea di titoli. Le 2 parti si scambiano oggi dei titoli al prezzo corrente di mercato e si impegnano ad eseguire la transazione opposta in una data futura ad un prezzo stabilito.

Obbligazioni e titoli di stato: strumenti di investimento con il quale si acquistano titoli di debito dell’azienda emittente diventando di fatto creditori. Possono essere governative, sovranazionali, indicizzate all’inflazione, bancarie.

Quali altre soluzioni?

Nell’universo dei prodotti d’investimento gli strumenti più efficienti per la costruzione di un portafoglio d’investimento sono ad esempio gli ETF. Quando si parla di ETF ci si riferisce a organismi di investimento collettivo del risparmio, le cui quote/ azioni sono negoziati in borsa (proprio come le azioni di società). L’obiettivo di un ETF è di replicare il più fedelmente possibile l’andamento di uno specifico indice. Gli ETF, infatti, offrono esposizione a un paniere di titoli (a volte molto ampi, di azioni, obbligazioni, etc.) e consentono quindi di coprire un intero mercato con un’unica contrattazione. Esiste un’ampia varietà di ETF che offre esposizione a diverse classi di attivo, aree geografiche, temi, settori ed emittenti.

L’investimento in un singolo ETF offre la possibilità di ottenere un’esposizione ad uno o più mercati specifici mentre l’investimento in una pluralità di ETF consente di attuare una strategia d’investimento più sofisticata. Attraverso gli ETF è quindi possibile costruire portafogli e strategie d’investimento in base ai propri obiettivi finanziari. In breve, gli ETF rappresentano “mattoni” che consentono agli investitori di costruire il portafoglio di investimento desiderato.

Ciascun investitore può chiedere comunque a un consulente finanziario un’analisi della sua situazione in merito ad un eventuale investimento oltre che di una valutazione di efficienza e qualità per ogni singolo strumento, con commenti e consigli specifici per capire al meglio come muoversi.

Antonio Palmieri

Laureato in economia aziendale con una tesi dal titolo "Il ruolo dell'HTML nelle operazioni di web marketing", iscritto all'albo dei Consulenti del lavoro, sono un libero professionista che non trascura le potenzialità offerte dal web che resta la mia grande passione: lavoro e passione si integrano in Codice Azienda, blog che curo dal 2007 in cui affronto temi che riguardano imprenditori e professionisti. Nel mio curriculum le esperienze e le competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *